2016/01/07 – Dal 1° marzo 2016 si modificano le condizioni generali del contratto Multibusiness

Gentile Cliente,
Le ricordiamo che come da comunicazione effettuato sul Conto Telecom di dicembre 2015 (1° pari) e di gennaio 2016 (1° dispari) le condizioni generali del contratto Multibusiness saranno così modificate:

 

COMUNICAZIONE IMPORTANTE: MODIFICA DELLE CONDIZIONI GENERALI DEL CONTRATTO MULTIBUSINESS

La informiamo che, a partire dal 1° marzo 2016, cambia la disciplina delle modalità di fatturazione per incentivare l’utilizzo del servizio gratuito di ricezione on line della Fattura in formato esclusivamente elettronico. La Fattura è resa disponibile sul sito impresasemplice.it o mybusiness.it (in base alla tipologia di Cliente) in formato elettronico. Per tutti i Clienti è disponibile il “Conto Online”, il servizio gratuito di ricezione delle fatture in formato elettronico. Il servizio di “Conto Online” consiste nella possibilità di visualizzare la Fattura nella sezione “Conto – Telefonia Mobile” del sito impresasemplice.it o nella sezione “Fatturazione e Traffico – Telefonia Mobile – Fatture Aziendali” del sito mybusiness.it. Per visualizzare la Fattura  il Cliente dovrà registrarsi sul sito impresasemplice.it omybusiness.it e riceverà la notifica via e-mail della disponibilità della Fattura nella sezione “Conto – Telefonia Mobile” dell’area clienti TIM Impresa Semplice o nella sezione “Fatturazione e Traffico – Telefonia Mobile” dell’area clienti myBusiness. Per i soli Clienti che, al 1° Marzo 2016, avranno attivato il servizio di domiciliazione bancaria o postale della Fattura e il servizio “NoCarta (Conto solo web)” nella sezione “Contratto” del sito impresasemplice.it o nella sezione “Fatturazione e Traffico – Telefonia Mobile – Fatture Aziendali” del sito mybusiness.it, verrà erogato il servizio gratuito di ricezione delle Fatture in formato esclusivamente elettronico, con l’eliminazione della Fattura cartacea e relativi costi.

Viceversa, ai Clienti che ricevono la Fattura cartacea (ed eventualmente anche il Bollettino Postale) per scelta o perché  non in possesso di entrambi i requisiti sopra descritti (domiciliazione della fattura e configurazione del “No Carta – Conto solo web”),  verrà addebitato un importo  pari a 2 euro IVA esclusa, per la produzione di ciascuna  fattura cartacea, comprensivo delle spese di spedizione, unificato indipendentemente dallo scaglione di peso e dalla zona di recapito. In ogni momento è possibile modificare l’indirizzo e-mail indicato al momento della registrazione al sito ed utilizzato  per la notifica dell’emissione della Fattura, direttamente sul sito stesso oppure chiamando il Servizio Clienti 191 (o 800.191.101 per le grandi aziende). E’ possibile anche richiedere, chiamando il Servizio Clienti, di ricevere nuovamente anche la Fattura in formato cartaceo; in tal caso sarà addebitato l’importo di 2 euro IVA esclusa per la produzione di ciascuna  fattura cartacea. L’articolo 5 (Fatturazione, Pagamento e Garanzie) comma 4 del Contratto in oggetto sarà integrato e modificato come segue:

5.4 Fatturazione, Conto telefonico. Il Conto telefonico costituisce fattura. La modalità di fatturazione del Servizio è elettronica; la Fattura sarà resa disponibile sul sito impresasemplice.it/mybusiness.it. Per visualizzare la Fattura il Cliente dovrà effettuare la registrazione al sito impresasemplice.it/mybusiness.it.  Il Cliente che non richiede la domiciliazione bancaria o postale della Fattura e non configura il servizio “Conto solo on line – No Carta”  riceverà anche la Fattura cartacea, con addebito, per ogni Fattura prodotta, di un importo pari a 2 euro IVA esclusa, comprensivo delle spese di spedizione. I canoni di abbonamento, i costi delle Offerte e la Tassa di concessione governativa, saranno fatturati anticipatamente e bimestralmente da Telecom Italia. Gli importi relativi ad eventuale traffico a consumo per le utenze in abbonamento e alle eventuali Ricariche Automatiche per le utenze ricaricabili, saranno fatturati in via posticipata. Telecom Italia si impegna a rendere disponibile  il Conto al Cliente con un anticipo di almeno 15 giorni rispetto alla data di scadenza dei pagamenti. Il Cliente, essendo obbligato a pagare la Tassa di concessione governativa, dovrà comunicare tramite raccomandata A/R o PEC a Telecom Italia l’eventuale mancata ricezione (messa a disposizione on line e/o recapito) del Conto entro 90 giorni dalla sottoscrizione del Contratto ovvero entro 50 giorni dalla scadenza del precedente Conto, in modo da consentire a Telecom Italia di definire diverse modalità di pagamento e di rendere disponibile on line e/o inviare un duplicato in caso di fattura cartacea.

La Tassa di concessione governativa non è dovuta per le linee del Contratto Multibusiness sulle quali il Cliente ha attivato un’Offerta ricaricabile. In caso di carta SIM ricaricabile l’utenza verrà attivata con 5€ (IVA inclusa) di traffico prepagato che verranno addebitati al Cliente nel primo Conto utile. Nel caso in cui il Cliente sia una pubblica amministrazione soggetta all’applicazione del DM 55 del 03.04.2013 (“Regolamento in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica da applicarsi alle amministrazioni pubbliche ai sensi dell’articolo 1, commi da 209 a 213, della legge 24/12/2007, n. 244”), lo stesso dovrà fornire a Telecom Italia il Codice Ufficio di destinazione delle fatture elettroniche ivi previsto.

Le modalità di fatturazione sopra descritte troveranno applicazione anche per i servizi di fatturazione personale “TIM DUO” e “TIM TUO”. I Clienti che hanno abilitato i propri dipendenti alla fruizione di tali servizi dovranno darne adeguata informativa agli stessi, fermo restando il diritto del dipendente a richiedere la disattivazione del servizio di fatturazione personale. Le condizioni generali dei servizi TIM DUO e TIM TUO aggiornate saranno rese disponibili sui siti www.impresasemplice.it e www.mybusiness.it

 

DIRITTO DI RECESSO

Qualora non intenda accettare le variazioni sopra indicate ha il diritto di recedere dal suo Contratto senza costi, dandone comunicazione scritta entro il 29 febbraio 2016 a Telecom Italia, all’indirizzo postale indicato in questa Fattura  o via fax al numero gratuito 800.423.131, oppure di richiedere il passaggio ad altro operatore. Per la comunicazione di recesso per mancata accettazione di variazioni unilaterali delle condizioni non è obbligatorio l’invio tramite raccomandata A/R ed è previsto anche l’invio tramite fax (è comunque necessario allegare una fotocopia del documento d’identità del cliente titolare del contratto da cessare). Per maggiori informazioni può chiamare il Servizio Clienti 191. Per le grandi aziende pubbliche e private può chiamare il numero 800.191.101 o il suo abituale referente