2017/02/22 – Variazione delle condizioni economiche relative alle spese di produzione e spedizione fattura

Dal 1° maggio 2017 l’importo dovuto per la produzione della fattura cartacea, comprensivo delle spese di spedizione passerà da 2,00 a 3,90 euro (IVA esclusa).

Si ricorda che per tutti i Clienti è disponibile il “Conto online”, il servizio gratuito di ricezione delle fatture in formato elettronico. Il servizio permette di visualizzare la Fattura nella sezione “Conto – Telefonia fissa” del sito impresasemplice.it, previa registrazione all’Area Clienti TIM Impresa Semplice o, nel caso di grandi Aziende Private e Pubbliche Amministrazioni, dell’Area Clienti mybusiness.it.

Per i Clienti che al 1° maggio 2017 avranno attivato il servizio di domiciliazione bancaria o postale della Fattura e il servizio di “Conto online” nell’Area Clienti, verrà erogato il servizio gratuito di ricezione delle Fatture nel formato elettronico, con l’eliminazione della Fattura cartacea e relativi costi. Viceversa, ai Clienti che ricevono la Fattura cartacea (ed eventualmente anche il Bollettino Postale) per scelta o perché non in possesso di entrambi i requisiti sopra descritti (domiciliazione della fattura e configurazione del Conto online) verrà addebitato il nuovo importo pari a 3,90 euro IVA esclusa, per la produzione di ciascuna fattura cartacea, comprensivo delle spese di spedizione.

In ogni momento è possibile modificare l’indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione all’Area Clienti ed utilizzato per la notifica dell’emissione della Fattura e richiedere di ricevere nuovamente anche la Fattura in formato cartaceo, con addebito dell’importo di 3,90 euro (IVA esclusa), accedendo all’Area Clienti o chiamando il Servizio Clienti 191. Nel caso di pubbliche amministrazioni cui si applica la fatturazione cartacea o di grandi aziende private, è possibile contattare il numero 00.191.101 o il referente abituale.

 

DIRITTO DI RECESSO

Qualora non accettasse qualsiasi variazione sopra indicata, ai sensi dell’art. 70, comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche ha il diritto di recedere dal Contratto o di passare ad altro operatore, senza costi, dandone comunicazione scritta entro il 30 aprile 2017 a Telecom Italia, all’indirizzo postale indicato su questa fattura e sulla Carta dei Servizi o via fax al numero gratuito 800.000.191 specificando come causale del recesso la mancata accettazione di variazioni unilaterali delle condizioni economiche.

A tale comunicazione, da inviarsi tramite raccomandata A/R o tramite fax, è comunque necessario allegare una fotocopia del documento d’identità del cliente titolare del contratto da cessare. In caso di recesso e qualora alla linea interessata dalla presente modifica fosse associato un contratto per l’acquisto rateizzato di un prodotto in corso di vigenza, oppure nel caso in cui abbia in corso il pagamento rateale del canone di attivazione, al cliente verranno addebitate le rate residue.

 

Per maggiori informazioni sulle modifiche delle condizioni economiche e sulle modalità di recesso è possibile chiamare il Servizio Clienti 191. Per le pubbliche amministrazioni soggette alle modifiche e per le grandi aziende private è a disposizione il numero 800.191.101 o il referente abituale.